Ascolta la radio

Ascolta la diretta
Main menu

BASTA CON I FURBETTI SVIZZERI!

Controlli e recupero sanzioni

posto blocco polizia

Ammontano a oltre un milione e 250.000 euro le multe mai pagate dai cittadini svizzeri che hanno commesso infrazioni stradali a Milano durante lo scorso anno.

Il dato è stato rivelato in un servizio realizzato da Striscia la notizia, durante il quale il Commissario Capo della Polizia Locale di Milano, ha riferito che sono tantissime le auto con targhe svizzere che non rispettano le principali regole del codice stradale: si va dai parcheggi per le zone destinate ai disabili, al mancato pagamento del bollino per il parcheggio, oppure all’attraversamento delle zone a traffico limitato.

«Provvediamo alla notifica del verbale - ha spiegato il Commissario Capo della Polizia Locale di Milano - se viene pagato bene, se non viene pagato non è possibile procedere con un altro provvedimento perché la riscossione coattiva per un cittadino straniero non è prevista dalla legge».

Già nel gennaio del 2018 ci eravamo occupati di questo problema che riguarda, in modo particolare, la città di Como. Qui, di multe non pagate ne erano state accumulate tante da costituire un gruzzolo pari a 300 mila euro non incassati. Vista la pioggia di contravvenzioni caduta ieri, a causa delle numerose auto targate Ticino selvaggiamente posteggiate attorno alle mura della città, abbiamo tentato, purtroppo invano, di interpellare il comando della polizia locale per vedere se la cifra nel frattempo è aumentata. 

Il problema, in ogni caso, è sempre lo stesso: in Italia non esiste un controllo delle targhe all'ingresso e la procedura per la riscossione delle multe in Svizzera pare essere più costosa della somma che poi l'amministrazione comunale incasserebbe.

Ma quest’ultima è una balla colossale, basterebbe creare un data base che consenta una verifica in tempo reale da parte da parte della polizia opportunamente munita di strumenti digitali come avviene egregiamente in Svizzera contro le infrazioni degli italiani. E' tempo di dire BASTA a questi abusi con opportune iniziative per recuperare i soldi dovuti e punire i colpevoli!

Rate this item
(0 votes)
back to top

facebook 48x48

youtube 48x48

tunein 48x48

Google+