Ascolta la radio

Ascolta la diretta
Main menu

PER LA GERMANIA LA GUERRA NON E' MAI FINITA

Comprare per distruggere

ANGELA MERKEL

Come la Merkel si sta comprando il made in Italy. Solo nel 2014, ai tedeschi 18 imprese tricolori. Ed è solo la punta dell'iceberg.

In termini di target Berlino punta direttamente al cuore pregiato del made in Italy, la piccola media impresa con buoni prodotti e tecnologia inserita nelle filiere internazionali che la crisi rende sempre più esposta alle operazioni ostili. Non a caso dal 2010 a oggi il 55% delle circa 50 operazioni “Germania su Italia” ha riguardato il settore “industrial” (fonte: Kpmg).

Per alcuni osservatori si tratta di un vera e propria invasione pianificata.

Ma non c’è bisogno di essere teorici del Grande Complotto (l’euro sarebbe nato su un patto di ferro franco-tedesco teso a deindustrializzare il nord Italia), per registrare quel che sta succedendo silenziosamente nei territori produttivi italiani, spesso raccontato da interlocutori insospettabili.

Il campo di gioco “truccato” lo disegna bene l’economista Giuseppe Russo, responsabile dell’Osservatorio italiano sulla filiera Automotive.

“Il principale squilibrio macroeconomico europeo è l’anomalo avanzo commerciale tedesco a tutto export (oltre 200 miliardi di euro di eccesso di produzione sui consumi) che la Germania non fa nulla per aggiustare.”

Last modified onLunedì, 28 Maggio 2018 14:05
Rate this item
(0 votes)
back to top

facebook 48x48

youtube 48x48

tunein 48x48

Google+